– L’errore – di Lucia, Elisa, Sarah, Marianna,Carla

Il paese senza errori, di Gianni Rodari

interpretato da Carla

L’errore

di Sarah

“Ho lasciato troppi segni

Sulla pelle già strappata

Non c’è niente che si insegni prima che non l’hai provata

Sono andato sempre dritto come un treno

Ho cercato nel conflitto

La parvenza di un sentiero

Ho sempre fatto tutto in un modo solo mio

E non ho mai detto resta se potevo dire addio

Poche volte ho dato ascolto a chi dovevo dare retta

Ma non ne ho tenuto conto

Ho sempre avuto troppa fretta

Almeno tu rimani fuori

Dal mio diario degli errori

Da tutte le mie contraddizioni

Da tutti i torti e le ragioni

Dalle paure che convivono con me

Dalle parole di un discorso inutile

Almeno tu rimani fuori

Dal mio diario degli errori”

di Michele Bravi

“That’s how the light gets in”

di Lucia Firinu

Anthem

https://youtu.be/6wRYjtvIYK0

The birds they sang

at the break of day

Start again

I heard them say

Don’t dwell on what

has passed away

or what is yet to be.

Ah the wars they will

be fought again

The holy dove

She will be caught again

bought and sold

and bought again

the dove is never free.

Ring the bells that still can ring

Forget your perfect offering

There is a crack in everything

That’s how the light gets in.

We asked for signs

the signs were sent:

the birth betrayed

the marriage spent

Yeah the widowhood

of every government

signs for all to see.

I can’t run no more

with that lawless crowd

while the killers in high places

say their prayers out loud.

But they’ve summoned, they’ve summoned up

a thundercloud

and they’re going to hear from me.

Ring the bells that still can ring

Forget your perfect offering

There is a crack in everything

That’s how the light gets in.

You can add up the parts

but you won’t have the sum

You can strike up the march,

there is no drum

Every heart, every heart

to love will come

but like a refugee.

Ring the bells that still can ring

Forget your perfect offering

There is a crack, a crack in everything

That’s how the light gets in.

Ring the bells that still can ring

Forget your perfect offering

There is a crack, a crack in everything

That’s how the light gets in.

That’s how the light gets in.

That’s how the light gets in.

Leonardo Cohen

La gran parte di noi considera l’errore un difetto da correggere o da eliminare. 

Nell’ambito dell’elettronica l’errore imprevedibile del sistema, che causa un picco improvviso in una forma d’onda, viene definito “glitch”.

Esiste una corrente artistica, la Glitch Art, che nasce proprio dal disturbo del segnale continuo e sfrutta l’errore casuale o voluto del sistema come fonte di ispirazione, trasformandolo in movimento, in forma d’arte.

Luke Jerram, esponente daltonico della “Glitch Art”, sperimenta nelle sue opere illusioni ottiche e percezioni visive.

Una delle sue installazioni più famose, intitolata Maya ( https://youtu.be/yi8V5N116Vo ), nasce dalla scansione di una foto di sua figlia, sgranata in innumerevoli quadratini che da lontano solo uno sguardo attento riesce a individuare, e che va vista nel modo in cui si guardano i quadri di Monet che, per essere colti in tutte le sfumature e trovare l’armonia oltre e grazie al difetto, richiedono lo sforzo di uno sguardo attento e capace di muoversi in più direzioni.

Il dizionario di Psicologia Galimberti definisce errore il” giudizio o valutazione che contravviene il criterio riconosciuto valido nel campo a cui il giudizio si riferisce, oppure ai limiti di applicabilità del criterio stesso”.

Dal punto di vista epistemologico il concetto di errore è strettamente connesso a quello di verità e di giudizio.

La verità della conoscenza è legata alla soggettività, influenzata a sua volta dall’apprendimento e dal sistema di credenze a cui una determinata persona e/o  cultura fa riferimento. 

La scienza attuale “pensa al vero come ad una rettifica storica di un errore prolungato, concepisce l’esperienza come rettifica dell’illusione comune e primitiva.

Tutta la vita intellettuale della scienza opera dialetticamente su questo differenziale della conoscenza, al limite dell’ignoto.

L’essenza stessa della riflessione consiste nel comprendere di non aver capito” ( G. Bachelard). 

La verità può essere definita come “un processo di continua rettifica dell’errore” che comporta un ampliarsi della conoscenza ed è strettamente legata ai valori a cui la persona fa riferimento, che determinano un giudizio rispetto ad azioni corrette o errate.

Risulta dunque necessario parlare di molteplici verità piuttosto che di una verità unica.

Partendo da questi presupposti l’errore può essere considerato come possibilità di apprendimento.

Prendiamo per esempio in considerazione il periodo critico che determina il passaggio dalla fase del ciclo vitale dell’adolescenza a quello dell’età adulta.

Il bambino durante l’infanzia apprende dai genitori valori e credenze che  nella fase adolescenziale, in parte, può rinegoziare attraverso il confronto con il mondo esterno che, durante questo periodo, può esplorare in modo più autonomo rispetto al passato.

Nella fase esplorativa può capitare che il ragazzo commetta errori rispetto al sistema di giudizio appreso attraverso le credenze genitoriali.

Alcuni errori possono costituire per il giovane, oltre che una novità, una fonte di apprendimento da cui può scegliere consapevolmente se discostarsi o abbracciare, differenziando e ampliando in questo modo la propria verità rispetto alla verità che gli è stata insegnata dalle figure genitoriali e dal proprio sistema culturale.

La possibilità di commettere errori fa dunque parte del processo di crescita.

I genitori svolgono il ruolo importante di preparare i propri figli alla fase dello svincolo insegnandogli, durante le fasi precedenti dello sviluppo, la propria verità che potrà costituire per il ragazzo una base sicura su cui muoversi per esplorare, anche attraverso l’errore, la possibilità di nuove verità.  

Come afferma Popper “nessuno può evitare di fare errori; la cosa più grande è imparare da essi”.

Bibliografia:

Bachelard G., Il nuovo spirito scientifico (1934), Laterza, Bari, 1978.

Sitografia:

http://www.rivista.ssef.it/www.rivista.ssef.it/file/public/Dottrina/38/L1.A1001001A08F04B15105C65332.V1.pdf

https://youtu.be/yi8V5N116Vo

Racconti di Immagini

di Marianna C.

  1. Errore

40159417_468816830190754_8747293986042937344_n

  1. Glitch

40102405_2182822398661861_6960484047835365376_n

Annunci

Un pensiero su “– L’errore – di Lucia, Elisa, Sarah, Marianna,Carla

  1. Bellissima riflessione. L’errore viene sempre demonizzato in questo mondo di perfezione di plastica. Non siamo Barbie. L’errore e gli errori servono per crescere. Proprio così. L’importante è la consapevolezza, la capacità di ri-flettere sulle proprie cadute per rialzarsi e continuare.
    Buona giornata 💓

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...